Course Image CORSO PER "PREPOSTO" - Formazione particolare aggiuntiva

Il Preposto ai lavori è un attore fondamentale nel processo  che presidia la sicurezza sul posto di lavoro. Spesso emerge, dall’esame degli infortuni gravi, che l’anello debole della catena organizzativa che deve garantire la sicurezza è la figura del Preposto.  Figura che sovente, per mancanza di autorevolezza o inadeguatezza professionale, non riesce a saturare il proprio ruolo soprattutto per l’incapacità di esigere, nei confronti dei subordinati, l’applicazione delle misure di sicurezza preordinate.  Nella realtà operativa alcune domande fondamentali quali: chi è il Preposto, quali sono i suoi compiti e le sue responsabilità, non sempre trovano risposte adeguate. Il Preposto può essere, infatti, chiamato in causa in pratica ogni qualvolta si registri la mancata applicazione delle misure di prevenzione e di protezione stabilite nel documento di valutazione dei rischi aziendali. Egli risulta quindi gravato di notevoli responsabilità,  di cui    a volte non è o non viene messo pienamente a conoscenza, specialmente alla luce della legge 3-8-07 n. 123, che ha rilanciato e accresciuto, sotto il profilo sanzionatorio, il ruolo del Preposto nei processi di prevenzione e protezione. Tale impostazione è stata ulteriormente accentuata dal riformato quadro sanzionatorio previsto dal D.Lgs. n.106/09, correttivo e integrativo del D. Lgs. n. 81/08 (TU della sicurezza), da più parti accusato di “scaricare” sui livelli più bassi, attraverso il ricorso dell’istituto della delega, le responsabilità degli infortuni sul lavoro. 

Anche per questa ragione l’omessa formazione dei preposti prevede sanzioni penali a carico dei datori di lavoro. UNAE ha progettato il presente Corso di formazione particolare aggiuntiva per il Preposto in base all’accordo n. 221 del 21/12/2011 siglato nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni per la formazione dei lavoratori ai sensi dell’articolo 37, comma 2, del del citato D.Lgs. Il corso viene erogato in regime di delega del/i datore/i di lavoro dei partecipanti.

Formare per conto dei datori di lavoro il personale chiamato a ricoprire il ruolo di Preposto sia sui principi informatori della legislazione della sicurezza sia sugli aspetti operativi connessi con l’applicazione delle misure di sicurezza  a valle della valutazione dei rischi aziendali, con particolare riferimento alle attività elettriche e a quelle non elettriche in presenza di rischio elettrico.
- Fornire un supporto documentale ai Datori di lavoro e ai Dirigenti elementi utili nella verifica dei requisiti psico attitudinali delle persone da designare allo svolgimento dei compiti di Preposto. In tal senso è prevista la compilazione di un questionario di verifica dell’apprendimento e il rilascio di un attestato di frequenza.
- Corsi in FAD della durata di 8 ore in due lezioni.
- Numero partecipanti: massimo 25 persone.
-Il corso è  valido solo a fronte  di una frequenza non inferiore al 90% della durata prevista.
Si ricorda che il preposto dovrà aver partecipato, oltre al presente corso, anche alla formazione sulla sicurezza prevista per i lavoratori, in conformità al D.Lgs. 81/08 art.37 e all'Accordo Stato Regioni del 21/12/2012, per lo specifico codice ATECO: UNAE UMBRIA Formazione organizza anche questa tipologia di corsi. 
Gli studenti possono spuntare manualmente questo elemento per indicarlo completato: LOCANDINA PREPOSTO - PROGRAMMA CORSO

Programma completo
1)     Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale:
compiti, obblighi e responsabilità
2)     Relazioni tra i vari soggetti interni ed esterni del sistema di
prevenzione
3)     Definizione e individuazione dei principali fattori di rischio
4)     Incidenti e infortuni mancati
5)     Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori,
in particolare neoassunti, somministrati e stranieri;

(*)   Informativa sui rischi per la salute determinati dal Coronavirus SARS-CoV-2 e misure di sicurezza anticontagio COVID-19.

6)     Valutazione dei rischi dell’azienda, con particolare
riferimento al contesto in cui il Preposto opera:
-        1. LUOGHI DI LAVORO
-        2. MICROCLIMA E ILLUMINAZIONE
-        3. RISCHI ELETTRICI
-        4. RISCHI CHIMICI
-        5. VIDEOTERMINALI
-        6. CADUTE DALL’ALTO
-        7. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
-        8. RISCHIO BIOLOGICO
-        9. STRESS LAVORO CORRELATO
7)     Individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di
prevenzione e protezione;
8)     Modalità di esercizio della funzione di
controllo dell'osservanza da parte dei lavoratori delle disposizioni di legge
in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e di uso dei
mezzi di protezione collettivi e individuali messi a loro disposizione.

QUESTIONARIO VERIFICA APPRENDIMENTO


Course Image SICUREZZA LAVORI ELETTRICI E-LEARNING

La Norma CEI 11-27 (IV edizione del 2014) prevede che il datore di lavoro attribuisca per iscritto il livello di qualifica agli addetti ai lavori elettrici al fine di operare sugli impianti elettrici. Tale qualifica attribuita dal DL, può essere di Persona Esperta (PES), Persona Avvertita (PAV) o Idonea ai lavori sotto tensione (PEI). La Norma CEI 11-27 fornisce sia prescrizioni che linee guida per individuare i requisiti minimi di formazione, in termini di conoscenze tecniche, normative e di sicurezza, nonché di capacità organizzative e d’esecuzione pratica delle attività del lavoro elettrico, che consentono di acquisire, sviluppare e mantenere la capacità operativa e organizzativa delle Persone Esperte (PES), Avvertite (PAV) o Idonee ad operare in tensione sugli impianti elettrici (PEI).